enrique ernesto febbraro

Quando piove condivido l’ombrello.
Se non ho l’ombrello condivido la pioggia.

Creò il Giorno dell’amico per celebrare la comprensione e l’amicizia, e ne fissò la ricorrenza il 20 luglio, data che ricorda il primo passo dell’uomo sulla luna nel 1969.

Quando l’Apollo XI allunò, il 20 luglio del 1969,  Febbraro vide per la prima volta che per un giorno il mondo si unì in pace; per questo cercò di coinvolgere il suo paese e altri per fare di quella data la festa del Giorno dell’amico. 

L’originale idea si è diffusa velocemente, moltiplicandosi per tutta la città.

Nel Giorno dell’amico non bisogna fare regali ne altre cose, è sufficiente esserci e condividere assieme uno splendido momento. 

In Argentina è diventata festa nazionale

Che piova o ci sia il sole, l’importante è condividere. Se poi sei social allora andrai lontano.

Passatempo per chi ha tempo

  • napoleone-bonaparte

Napoleone Bonaparte

CONTENUTI. Per farsi capire dalla persone bisogna innanzitutto parlare ai loro occhi.

  • enrique ernesto febbraro

Enrique Ernesto Febbraro

SOCIAL MEDIA. Quando piove condivido l'ombrello. Se non ho l'ombrello condivido la pioggia.

  • Albert Einstein

Albert Einstein

DIGITAL PUBLISHING. La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l'equilibrio devi muoverti.

  • rober baden powell

Robert Baden-Powell

WEB. Se saprai manovrare con cura, navigando con lealtà, non c'è ragione perché il tuo viaggio non debba essere un completo successo.

  • karl kraus

Karl Kraus

BRANDING. Un grammo di immagine vale più di un chilo di fatti.

  • Johann gutemberg

Johann Gutemberg

EDITORIA. Ciò che è stato fatto per riga, io devo riuscire a farlo per grandi pagine tutte scritte.

  • ugo foscolo

Ugo Foscolo

PACKAGING. L'arte non consiste nel fare cose nuove, ma nel rappresentarle con novità.

  • giordano bruno

Giordano Bruno

PUBBLICITA. L’immagine inventata ha una sua verità.